NABUCCO - OPERA ROYAL DI LIEGI

 

NABUCCO - LEO NUCCI

di GIUSEPPE VERDI

Martedì 14 novembre 2017 alle ore 20.00

IN DIFFERITA DA OPERA ROYAL DI LIEGI
Cast Leo Nucci, Virginia Tola, Enrico Iori, Giulio Pelligra, Na’ama Goldman, Roger Joaki

Regia: Stefano Mazzonis Di Pralafera
Direttore: Paolo Arrivabeni
Genere OPERA in quattro atti - Cantata in Italiano 

Libretto di Temistocle Solera  Dall’Opéra Royal de Wallonie, Liège - Registrata 2016 - Durata: 2h 13min

La leggenda vivente LEO NUCCI arriva nei cinema di tutto il mondo nel ruolo che lo ha reso una star. Riscopri il NABUCCO, capolavoro di Verdi. Un racconto commovente che ha definito un'epoca della storia italiana.

 

Con il grande Leo Nucci protagonista, il Nabucco dell’Opéra Royal de Wallonie di Liegi apre la stagione Theatrum Mundi che porta l’opera lirica al cinema dai teatri più prestigiosi al mondo.     Il celebre baritono Leo Nucci, con i suoi cinquantun anni di carriera, interpreta magnificamente il ruolo del titolo, accompagnato dal soprano Virginia Tola nei panni di Abigaille, in questo inno verdiano all'indipendenza dei popoli che esprime la sofferenza che nasce dai sistemi di oppressione.     genio di Giuseppe Verdi risiede nella meravigliosa tensione drammatica che sottende le sue opere e nell'irresistibile bellezza delle sue melodie. Nabucco, raccontando un celebre episodio biblico, esprime le rivendicazioni di indipendenza del popolo italiano, sottoposto troppo a lungo al dominio straniero. Dietro le passioni umane espresse dalle magnifiche arie troviamo un coro superbo: la popolazione ebraica che canta la sua nostalgia per la patria.     "Va pensiero", una melodia semplice e pura per eccellenza, è diventata, già dalla première dell’opera, un simbolo di unità della popolazione italiana. Oggi, questo inno nazionale alternativo ha attraversato i confini ed esprime la sofferenza che nasce dai sistemi di oppressione. L'opera andò in scena per la prima volta al Teatro alla Scala il 9 marzo 1842 con un successo tale da venire ripresa settantacinque volte solo alla Scala entro la fine dell'anno.      Il grande Leo Nucci interpreta un ruolo che lui stesso definisce importante per i baritoni, che prima di allora erano considerati solo in contrapposizione ai tenori e vengono invece portati da Verdi a essere protagonisti e arricchire la loro tavolozza di colori.  Particolarmente emozionante è il momento in cui il Nabucco di Leo Nucci perde la ragione, mentre Virginia Tola incanta con una voce potente nei panni di Abigaille. Il direttore Paolo Arrivabeni sale per la prima volta sul podio di Liegi per questa co-produzione tra Israeli Opera di Tel Aviv e Opéra Royal de Wallonie di Liegi con la regia di Stefano Mazzonis di Pralafera che mantiene un’ambientazione classica introducendo nello stesso tempo dei forti elementi simbolici.